Perdona te stessa: ti farai un bel regalo!

Il proverbio dice: “errare è umano”, lo so, e sono d’accordo. Un’altro proverbio dice: “sbagliando si impara”. Va bene. Ma poi bisogna fare i conti con questi errori, e non è così semplice, vero?

Sbagliando si impara, o no?

Sbagliare non piace a nessuno, ma lo facciamo continuamente: siamo esseri umani. I nostri sbagli ci rendono unici e ci hanno portato dove siamo ora, ma se allo sbaglio ci aggiungiamo il senso di colpa, rischiamo di entrare in un vortice di autocommiserazione che non ha più fine.

Dopo aver letto e studiato tanto sull’argomento, ho trovato una soluzione che per me funziona: perdonare me stessa. 

Perdonare se stessi

Nell’affrontare le proprie sfide e paure, se riesci a perdonarti alcuni “errori” fatti in passato, cambia il tuo modo di vedere le cose e di conseguenza cambia anche il tuo presente e futuro.

Il passato è passato, ormai non torna più.

Ma possiamo agire sul nostro presente, impegnandoci a non ripetere tali errori, a riparare i danni causati ad altri (se ce ne sono stati) e imparando a perdonarsi .

Il processo del perdono non è così immediato e richiede tempo, pazienza e coraggio. Ma è sicuramente un processo liberatorio di crescita e di amore verso noi stessi.

Abbiamo bisogno di perdonarci! Abbiamo bisogno di crederlo possibile per vivere una vita felice.

Come si può fare?

Da oggi, ogni volta che stai per entrare nella spirale della Autocommiserazione e dei sensi di colpa, ripeti a te stessa, magari davanti ad uno specchio:

  • Mi perdono per aver rinunciato alle mie speranze, ai miei sogni e ai miei obiettivi. 
  • Mi perdono per tutte le volte che ho giudicato me stessa e gli altri.
  • Mi perdono per gli errori commessi in passato
  • Mi perdono per aver pensato di non essere abbastanza
  • Mi perdono per aver cercato approvazione nel posto sbagliato
  • Mi perdono per tutte le volte che non mi sono accettata completamente

“Non sarai mai troppo vecchio per porti un altro obiettivo o per sognare un nuovo sogno”   (C.S. Lewis)

“Se giudichi le persone, non avrai tempo di amarle” (madre Teresa di Calcutta)

Puoi andare avanti ad aggiungere altre cose per cui ti vuoi perdonare.

Puoi anche scriverti una lettera del Perdono divisa in 3 parti:

prima parte: chiedi perdono a te stesso, te stessa, per tutto ciò che ritieni opportuno (esperienze, azioni, atteggiamenti, pensieri, ecc… per cui vuoi essere perdonato/a).

seconda parte: perdonati per tutto ciò che ritieni necessario (esperienze, azioni, atteggiamenti, pensieri, ecc… per cui vuoi perdonarti).

terza parte: ringraziati per tutto ciò che ritieni opportuno (esperienze, azioni, atteggiamenti, pensieri, ecc… per cui vuoi ringraziarti).

Questa  lettera andrebbe spedita, quindi mettila in una busta con scritto il tuo indirizzo. Scegli tu quando preferisci riceverla e programmane la spedizione. Magari per il tuo compleanno o per una festività particolare: a tua scelta.

Una volta scritta la tua Lettera Del Perdono, fai un bel respiro e un bel sorriso…. Che sensazione piacevole, non trovi?


P.S. Questo è uno dei 21 blog-post in cui ti propongo 21 gesti di amore verso te stessa/o, da fare uno al giorno, per coltivare e far crescere la tua autostima e l’amore nei tuoi riguardi.

Se vuoi scaricare la guida completa dei 21 Giorni per Amarti, iscriviti alla mia PsicoNewsLetter e la potrai scaricare dalla Pagina dei Regali.


Se ti piace quello che scrivo, leggi anche gli altri articoli correlati che trovi qui sotto o quelli del blog .

Se non mi conosci:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *