Cambia ritmo: regalati un bagno da Dea per il tuo benessere

Spesso per lavarci la mattina ci mettiamo 5 minuti, e mentre siamo sotto la doccia o ci stiamo lavando i denti, già siamo mentalmente al nostro impegno di lavoro successivo.

Per una volta, cambia ritmo, e prenditi un momento solo per te e per il tuo benessere psicofisico. Potresti poi farlo diventare un’abitudine piacevole settimanale.

Cosa devi fare?

Preparati un bel bagno da Dea!

Fai in modo di non avere altri impegni subito dopo e raccogli tutte le cose che ti servono per trasformare il tuo bagno in una Beauty Farm o Spa.

Raduna ciò che ti serve: candele, oli profumati, bagnoschiuma e shampoo, creme corpo e mani, scrub, maschere per il viso e per i capelli, musica se gradisci, e comincia!

Accendi le candele e comincia a lavarti nella vasca o sotto la doccia con i tuoi prodotti preferiti.

Fallo con l’intenzione di lasciare fuori dalla porta i problemi ed essere concentrata solo sulle sensazioni piacevoli che stai provando, e che proverai.

Quando l’acqua ti avvolge, cerca di sentire la sua temperatura e come scorre sul tuo corpo. Immagina tutte le tensioni che scivolano via e finiscono nello scarico della doccia o della vasca. Prenditi tutto il tempo che ti serve.

Poi, una volta che ti sarai asciugata, lentamente, cospargiti del tuo olio o della tua crema profumata preferita e magari dedica del tempo al tuo piacere intimo.

Se hai ancora parte della giornata davanti, mettiti la tua biancheria da Dea (hai fatti il decluttering della biancheria, vero?) e indossa i tuoi vestiti migliori.

Se invece è l’ora di andare a letto, indossa la tua camicia da notte migliore o il tuo pigiama e … buona notte!


P.S. Questo è uno dei 21 blog-post in cui ti propongo 21 gesti di amore verso te stessa/o, da fare uno al giorno, per coltivare e far crescere la tua autostima e l’amore nei tuoi riguardi.

Se vuoi scaricare la guida completa dei 21 Giorni per Amarti, iscriviti alla mia PsicoNewsLetter e la potrai scaricare dalla Pagina dei Regali.


Se ti piace quello che scrivo, leggi anche gli altri articoli correlati che trovi qui sotto o quelli del blog .

Se non mi conosci:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *