#giorno19 Decluttering nei vestiti

#GIORNO19: fai decluttering nei vestiti   

Quanti vestiti ha nell’armadio che non usi da più di due anni? Come ti senti ogni volta che apri il tuo armadio e vedi quel vestito che ormai non ti va più, quella camicetta che ti tira sulla pancia, o quella gonna troppo corta, troppo lunga, chiara, ecc.? E quanto tempo passi davanti all’armadio, per scegliere il tuo “outfit” (traduz: abbigliamento per uscire)???

E’ arrivato il momento di fare un po’ di pulizia!

Io ho seguito un metodo particolare ideato da una signora giapponese molto particolare: Marie Kondo*, e devo dire che mi è stato utilissimo; per lungo periodo la mia casa è rimasta in ordine e nel mio armadio ora ci sono solo i vestiti che uso 😃 .

Torniamo a noi:

quello che ti chiedo di fare è di prendere tutti i tuoi vestiti e di metterli sul letto; poi, con calma, prendi in mano ogni vestito, uno alla volta, e decidi se tenerlo o no in base a come ti fa sentire emotivamente (provalo se ne hai voglia); fai tre “mucchi”: uno per i vestiti da tenere, uno per i vestiti da buttare, e uno per i vestiti da regalare.

I vestiti che hai deciso di tenere saranno quelli che ti stanno bene e che indossandoli ti emozionano positivamente, ti donano, ti piacciono e ti fanno sentire bellissima.

Ora li puoi rimettere nel tuo armadio (magari in un ordine cromatico piacevole). E ogni volta che aprirai quelle ante, proverai una piacevole sensazione di leggerezza e di piacere.

A cosa è servito tutto ciò?

A molte cose, in effetti:

  1. ad allenare l’istinto ad individuare ciò che ti fa star bene e cosa no,
  2. a fare spazio e ordine nel tuo armadio
  3. a prendere consapevolezza di quante cose (inutili) possediamo
  4. a scegliere meglio i tuoi vestiti futuri
  5. a conservare ciò che “ci fa battere il cuore”

Se seguirai queste mosse non passerai più ore davanti all’armadio a dire: “Cosa mi metto? Non ho nulla da mettermi!”

Buon riordino!

*  Qui trovi un estratto del suo libro “Il magico potere del riordino” (clicca qui)

P.S. Se ti è piaciuto l’articolo, ti chiedo di condividerlo e di mettere un “mi piace”. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *